Un trapianto di capelli senza paura

Un trapianto di capelliUn trapianto di capelli senza paura

La maggior parte degli uomini che perde i propri capelli decide di affidarsi al trapianto di capelli, un intervento che nella maggior parte dei casi aiuta a mascherare il problema. L’effetto che spesso, però, è dato è quello di un improvviso cambiamento di aspetto, svelando in maniera spiacevole il ricorso al trapianto di capelli. Inoltre, l’intervento a volte lascia delle brutte cicatrici sul cuoio capelluto. La soluzione di tutti i problemi ha un nome: si chiama Skalp.

Effetti collaterali del trapianto

Il trapianto di capelli con metodi FUE & FUT è uno dei rimedi più utilizzati in assoluto per quanto riguarda i rimedi contro la calvizie. In Italia, nel 2014, ci sono stati quattromila trapianti di capelli eseguiti, secondi i dati forniti dalla Associazione Italiana Chirurgia Plastica Estetica. Per la stragrande maggioranza, i trapianti di capelli sono stati eseguiti su uomini con età che oscilla tra i 20 e i 60 anni.

Per l’autotrapianto di capelli esistono due tecniche: la prima è la tecnica FUT, che prevede l’utilizzo di una parte di cuoio capelluto prelevata chirurgicamente dalla nuca del paziente, la quale conterrà fino a un massimo di 4000 unità follicolari a seconda della densità per centimetro quadrato e della lunghezza. La seconda tecnica si chiama invece FUE e prevede che vengano estratte singole unità follicolari senza necessità di effettuare un taglio sulla nuca, che implica la futura presenza di visibili cicatrici. Solitamente la scelte dell’una o dell’altra tecnica è a discrezione del chirurgo che vi opererà: già, va ricordato che il trapianto di capelli è una vera e propria operazione chirurgica.

Bisogna ricordare inoltre che il trapianto di capelli è un intervento che riduce le aree glabre o diradate, ma da sola non arresta e cura la caduta dei capelli. Potrebbe quindi lasciarvi insoddisfatti, e in più con i segni di una operazione chirurgica.

Come può aiutarti la tricopigmentazione permanente

Il trattamento di micropigmentazione permanente del cuoio capelluto operato dagli specialisti di Skalp è appositamente pensato per essere effettuato prima o dopo l’intervento di trapianto di capelli.

I trattamenti di micropigmentazione del cuoio capelluto, infatti, comprendono un pigmento che, applicato sullo strato epidermico, replica i follicoli capillari, confondendosi con i capelli del cliente e dando l’impressione di foltezza.

Effettuare il trattamento di micropigmentazione prima di un trapianto di capelli può essere particolarmente utile per coloro che vogliano affrontare l’intervento nel modo più discreto possibile: la procedura di Skalp aggiunge un miglioramento estetico graduale durante le settimane che precedono il trapianto, in modo che il cambiamento appaia meno improvviso.

Se vorresti saperne di più, mettiti in contatto con noi per un primo consulto. Potremo fornirti un preventivo gratuito, ma anche diversi consigli sulla tua situazione. Fai il primo passo per cambiare la tua vita, scrivendo a italia@skalp.com  o prenota una consultazione gratuita

 

error: Content is protected!!!